SALUTE

In quali paesi gli assorbenti sono gratis? La situazione nel mondo e in Italia

LEGGI IN 2'
Il quadro sui paesi in cui gli assorbenti sono gratis e il punto sulla situazione in Italia

In quali paesi gli assorbenti sono gratis? Dove le imposte non si pagano o sono ridotte? E in Italia a che punto siamo per l’Iva sui prodotti legati all’igiene mestruale? Rispondere a queste domande vuol dire affrontare la questione della “period poverty”, povertà mestruale. Molte donne, infatti, non hanno la possibilità di acquistare gli assorbenti, i tamponi o le coppette e gli altri prodotti necessari per le mestruazioni e l’igiene mestruale.


In quali paesi gli assorbenti sono gratis?
Facciamo il punto sui paesi in cui gli assorbenti sono gratuiti o non si pagano le imposte per essi e per i prodotti per l’igiene e le mestruazioni:

  • Nel 2004, il Kenya è il primo paese al mondo a eliminare la tampon tax, l'imposta sugli assorbenti. Negli anni, le ragazze in difficoltà e le studentesse ricevono prodotti igienici gratuiti.
  • Alcuni Stati degli Usa, Canada, Colombia, Libano Sudafrica, Rwuanda, India, Australia, Malaysia, hanno abolito l'imposta sugli assorbenti.
  • Nel 2020, la Scozia stabilisce di fornire assorbenti e prodotti per l'igiene mestruale gratis a tutte le donne, è il primo paese al mondo ad adottare un provvedimento simile. Tra le promotrici, Monica Lennon, deputata locale.
  • Nel 2021, la Gran Bretagna abolisce la tassa sul valore aggiunto del 5% sugli assorbenti.
  • Nello stesso anno, in Nuova Zelanda si decide che le scuole distribuiscano gratuitamente assorbenti e altri prodotti.
  • Ancora nel 2021, la Francia annuncia che le studentesse possono usufruire degli assorbenti gratis.
  • Nel 2021, l'Ecofin (Unione Europea) approva la nuova direttiva sull'Iva: i paesi membri possono abbassare l’imposta anche per gli assorbenti.


E in Italia?

  • Da tempo si dibatte sulla riduzione dell'imposta sugli assorbenti, prevista nel 1973.
  • Il Comune di Firenze ha promosso la campagna "Tampon Tax" per ridurre l'Iva dei prodotti igienico-sanitari dal 22 al 4%. Alcuni enti locali come il Comune di Pesaro e la Regione Molise hanno aderito.
  • Nel 2021, Onde Rosa lancia la petizione "Stop TAMPON TAX, il ciclo non è un lusso!", per chiedere che "la Tampon Tax sia abbassata al 4% e che quindi gli assorbenti vengano considerati beni di prima necessità".
  • La Legge di Bilancio 2022 riduce l'Iva sugli assorbenti al 10%.

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla newsletter di donnad

Leggi tanti nuovi contenuti e scopri in anteprima le iniziative riservate alla community.