IDEE IN CUCINA

Intolleranza al lattosio? Nessun problema

LEGGI IN 3'

Intolleranza al lattosio? Nessun problema

Un’intolleranza comune
Il numero di persone che si ‘scoprono’ intolleranti al lattosio è sicuramente sempre in forte crescita. Non solo bambini, ma anche molti adulti devono rinunciare al latte e ai suoi derivati. Sì, perché rinunciarvi completamente è un po’ più complicato di quanto si possa pensare: il lattosio, infatti, è presente anche in yogurt, panna, burro, mozzarella, ricotta, broccoli, pere e molti altri.

Ma fortunatamente, ormai, esistono numerose varianti e alternative per ‘utilizzare il latte’ senza conseguenze, ovvero le varianti vegetali. Queste alternative sono presenti in molti supermercati e soprattutto in negozi biologici. Si potrà così avere un’ottima variante scoprendo quale tra queste asseconda di più i propri gusti.

Le alternative al latte
Latte di soia. Il più conosciuto di tutti è sicuramente il latte di soia, una bevanda a base di fagioli, appunto della soia. Questo tipo di latte vegetale ha pochissime calorie e molte più proteine e ferro del latte vaccino. Inoltre, è presente anche una buona percentuale di Omega 3, di fibre e vitamine (A,E,B). Unica nota dolente è il sapore non troppo gustoso e proprio per questo in commercio esistono già le varianti aromatizzate.

Latte di riso. Tra tutte le varianti vegetali, il latte di riso è quello con il minor apporto di grassi, ma anche di proteine. È, al contrario, molto ricco di carboidrati e per questo si rivela perfetto per chi svolge un’attività fisica regolare. Fornisce vitamine del gruppo B ed E ed apporta buone percentuali di fosforo, ferro ed acido folico; è inoltre ricco di fibre.

Latte di avena. Le calorie di questo latte sono poche, il contenuto di grassi è molto limitato, non contiene colesterolo e fornisce un grande apporto di energia. Il latte che si trova in commercio ha sempre oli aggiunti, principalmente di girasole: è, quindi, opportuno controllare sempre prima di acquistare.

Latte di cocco. Se tutti i tipi di latte possono essere utilizzati come sostituto del latte vaccino, quello di cocco è l’ideale per le preparazioni in cucina sia dolci che salate. Non bisogna pensare erroneamente che il latte di cocco sia quello contenuto all’interno delle noci ma piuttosto si tratta del succo ottenuto dalla polpa del frutto insieme all’acqua. Grazie alla buona presenza di zuccheri è molto dolce, non contiene ovviamente lattosio ma piuttosto fosforo, potassio, vitamina dei gruppi B e C, Sali minerali, oligoelementi e flavonoidi.

Latte di mandorle. Tra le alternative al latte vaccino, quello di mandorle è tra i più calorici. Il latte di mandorla fornisce un buon numero di proteine e grassi insaturi ed è ricco di antiossidanti, calcio e vitamina E. È perfetto per essere bevuto freddo al mattino e le sue proprietà sono davvero notevoli: influisce positivamente sull’apparato circolatorio, ha un forte potere antidepressivo, antinfiammatorio e rinfrescante. Ricorda, però di consumarlo con moderazione e di alternarlo con il latte di riso o di soia.

Latte di farro. Tra tutte queste gustose alternative, anche il farro merita il suo posto di rilievo. Ideale per chi ha un notevole bisogno di calcio e per chi vuole fare il pieno di proteine, vitamine e minerali come calcio, potassio, magnesio e fosforo. Il suo sapore è particolarmente dolce e la densità lo rende perfetto come ingrediente in cucina.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta