CONSIGLI DI VIAGGIO

Come rinnovare il passaporto: consigli utili

LEGGI IN 3'

È tempo di vacanze e forse ti può tornare utile conoscere i tempi e i modi per ottenere il rilascio del passaporto. Ecco, allora, in dettaglio l’iter da seguire per effettuare la richiesta e i tempi necessari per ottenerlo.
Iniziamo con una raccomandazione: se la meta della tua destinazione è un Paese extracomunitario, è meglio visitare il sito della Farnesina, per poter ottenere tutte le indicazioni specifiche del luogo. Per farlo basta andare su http://www.viaggiaresicuri.it, digitare il nome del Paese in cui andrai e consultare tutto quello che devi sapere riguardo alla sicurezza, alle norme che vigono in quel Paese, alla situazione sanitaria ed eventuale necessità di effettuare vaccinazioni particolari, alla documentazione richiesta e tutte le informazioni utili che ti eviteranno brutte sorprese che possono verificarsi da una inadeguata informazione.

Come rinnovare il passaporto?

Passiamo ora all’iter burocratico e ai tempi su come rinnovare il passaporto e ottenere il suo rilascio.
In Italia la durata del passaporto, sia per i maggiorenni che per i minori, è di dieci anni, scaduti i quali è necessario chiedere l’emissione di uno nuovo. La data di scadenza è contenuta all’interno del documento.
Dal 20 Maggio 2010, in osservanza alle normative europee, il passaporto è rilasciato da tutte le Questure italiane, mentre all’estero si richiede ai consolati e alle ambasciate del nostro Paese.

Come prima cosa, puoi consultare il sito https://www.passaportonline.poliziadistato.it. Con questo nuovo servizio è possibile richiedere online il rilascio del passaporto o anche solo prenotare l’appuntamento, evitando così inutili e lunghe attese presso gli uffici per presentare la domanda. Se gli appuntamenti prenotabili online risultassero terminati, allora ti dovrai recare personalmente presso gli appositi uffici calcolando le attese.

Le domande per il rilascio possono essere presentate alla Questura, presso l’ufficio passaporti del Commissariato di Pubblica Sicurezza o alla Stazione dei Carabinieri. Ove ci fosse la necessità delle impronte digitali, il richiedente dovrà presentarsi in un secondo momento presso la Questura o il Commissariato.

Per chi dovesse richiedere il passaporto presso il domicilio, invece che presso la propria residenza, i tempi del rilascio si allungheranno, perché le autorità vorranno conoscere le ragioni per cui non si richiede il rilascio del documento alla Questura di residenza, ma soprattutto ci vorrà più tempo perché, in questo caso, sarà necessario anche il nullaosta di quest’ultima.

Come rinnovare il passaporto: documentazione richiesta da presentare

  • Modulo stampato per la richiesta passaporto debitamente compilato. Fai attenzione a distinguere il modulo tra quello destinato agli adulti da quello destinato ai minori.
  • Documento di riconoscimento valido (è preferibile portare con sé anche una fotocopia del documento).
  • 2 foto formato tessera identiche e fatte di recente. Nella foto il viso deve essere ben visibile (di solito il fotografo fa togliere gli occhiali) niente frange che coprono parzialmente il volto e l’espressione deve essere seria e naturale. Tutto questo perché, in caso di necessità l’identificazione avviene anche attraverso tecniche biometriche che consentono di riconoscere un soggetto anche solo attraverso la conformazione degli occhi.
  • La ricevuta di versamento di conto corrente postale n 67422808 di euro 42,50 intestato a: Ministero Economia e Finanze - Dipartimento del Tesoro. È consigliabile utilizzare i bollettini pre-compilati disponibili presso gli uffici postali. La causale deve essere: importo per il rilascio del passaporto elettronico.
  • Una marca da bollo da 73,50 euro (da comprare presso un tabaccaio che abbia la rivendita di valori bollati).
  • Se si possiede già un passaporto e si fa richiesta di uno nuovo perché si è rovinato o è scaduto, insieme alla domanda deve essere consegnato anche il vecchio passaporto.
  • Se invece se ne richiede uno nuovo perché quello vecchio è stato smarrito, allora alla domanda di rilascio deve essere allegata anche la denuncia di smarrimento effettuata presso una stazione di polizia o Carabinieri. Per riavere indietro il vecchio passaporto è necessario farne domanda al momento della richiesta di rilascio di quello nuovo.
  • Una volta consegnata la domanda completa di documenti, la consegna avverrà in pochi giorni o anche a vista a secondo della Questura che lo rilascia.
  • È possibile far ritirare il passaporto anche a un’altra persona purché maggiorenne, munita di un documento di riconoscimento, di una fotocopia di un documento di riconoscimento del delegante e una delega resa valida da un notaio o da un ufficiale dell’anagrafe.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicca su “ACCETTA”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Accetta