2019/12/08 01:15:4737380
2019/12/08 01:15:4747594

GRAVIDANZA

L'influenza in gravidanza

LEGGI IN 2'

I malanni di stagione

I forti raffreddori stagionali e le influenze sono malanni del tutto normali in inverno, quando le temperature si abbassano e le difese immunitarie ci abbandonano!
In questi casi gli antibiotici contano ben poco e noi siamo soliti affidarci ai medicinali di base, tutti efficaci per favorire la guarigione e alleviare il fastidio.

Ma a quali sono le medicine da prendere nel caso in cui ci si ammalasse proprio in gravidanza? Ecco una piccola guida ai comportamenti da adottare e a quelli da evitare se sei costretta a letto proprio durante la gravidanza o l’allattamento.

Il paracetamolo

Il paracetamolo si considera essere ancora il farmaco più sicuro da somministrare in gravidanza, perché sicuro per la salute di mamma e bambino. È un validissimo antipiretico che aiuta ad abbassare la temperatura corporea mantenuta per sicurezza in gravidanza sotto i 38 gradi e mezzo.

Sono da evitare, invece, tutti i farmaci che associano il paracetamolo ad altri principi attivi, la cui combinazione non è stata accertata e che si potrebbe rivelare nociva per la salute del feto. In caso di tosse, ad esempio,  è sempre bene affidare al medico la prescrizione del giusto farmaco.

L'aspirina e l'iburofene

L’aspirina è fortemente controindicata in gravidanza e nel periodo dell’allattamento, in quanto alcuni studi  le imputano un aumento leggero del rischio di aborto e la principale responsabile della sindrome di Reye, una malattia molto rara e pericolosa che ha origine dal latte materno.

L’iburofene è altrettanto sconsigliato durante l’attesa perché, soprattutto nelle prime settimane di gravidanza, aumenta il rischio di aborto spontaneo, anche se non ne è ancora stata accertata l’incidenza reale.
È sicuro, invece, durante l’allattamento, perché la quantità dello stesso che passa nel latte materno è abbastanza trascurabile.

Tosse e naso chiuso

Gli sciroppi per la tosse sono medicinali presenti in grande quantità negli scaffali di farmacie e parafarmacie di tutte le città che hanno, però, scarsa efficacia reale sull’infiammazione da curare.
Anch’essi, in realtà, vengono spesso sconsigliati durante la gravidanza, perché i loro effetti non sono stati sufficientemente testati sui casi concreti.

Da utilizzare con parsimonia anche gli spray per il naso chiuso, in quanto i suoi principi agiscono sui vasi sanguigni della mucosa nasale, provocando ipertensione nella mamma e mettendo a serio rischio la salute del feto.

No all'asma!

L’asma cronica affligge molte donne che, una volta intrapresa la gravidanza, devono comunque avere l’accortezza di non interrompere l’assunzione dei loro farmaci specifici. L’asma non curata adeguatamente, infatti, rischia di avere effetti negativi sullo sviluppo del nascituro.

Tutti i farmaci utilizzati normalmente per curare e trattare l’asma sono assolutamente sicuri in gravidanza, salvo, una volta accertata la gravidanza, averne parlato con un medico specialista, per avere un quadro completo al riguardo e senza incorrere in inutili preoccupazioni per il bambino.



Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Ogni giorno un nuovo trucco!

Vieni su Instagram per scoprire curiosità, trucchi per la tua casa e molto altro.

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di terzi per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti pubblicitari personalizzati, anche incrociando i tuoi dati con quelli provenienti da altre fonti. Se scegli di proseguire nella navigazione, chiudi questo banner o clicchi su “Prosegui con la navigazione”, esprimi il consenso all’installazione dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la nostra cookie policy per esteso, nonché decidere a quali specifici cookie prestare o revocare il tuo consenso.

Prosegui con la navigazione