SCUOLA ED EDUCAZIONE

Tempo di gita di classe

LEGGI IN 2'
Ogni anno centinaia di studenti di ogni età si muovono dalle loro città grazie ai viaggi d'istruzione.

Soprattutto nei mesi di marzo, aprile, maggio, su e giù per l’Italia è tutto uno spostarsi di autobus ad uno o due piani carichi di studenti. Le mete più gettonate restano in Italia le città d’arte come Firenze e Roma ed all’estero Parigi e Barcellona anche se alcune scuole optano per destinazioni meno banali e percorsi più nuovi come ad esempio la conoscenza del proprio territorio in bicicletta.

Ma qual’è il valore dei viaggi d’istruzione?

Insegnanti e studenti considerano questa occasione in maniera diversa : per i primi il viaggio è parte integrante del programma scolastico mentre i secondi la ritengono un momento di svago e di divertimento.

Ma se è vero che la gita di classe rappresenta un punto fondamentale nel percorso scolastico, è altrettanto vero che essa è un’opportunità di formazione molto importante per i nostri ragazzi.

In primo luogo perché educa al viaggio: per i nostri figli la gita scolastica è infatti un’occasione di viaggiare e di ritrovarsi in un contesto sconosciuto, magari all’estero, con regole nuove e senza genitori.

Ma la gita scolastica rappresenta un momento fondamentale di socializzazione soprattutto in una scuola, quale la nostra, che spesso dà poco spazio alle relazioni non istituzionalizzate.

Gli studenti possono conoscere i propri compagni al di fuori dell’ambito scolastico: ecco allora che i gruppi si possono frantumare, possono emergere nuove personalità ed alcuni leader indiscussi possono essere messi in difficoltà. Può accadere così che quel compagno escluso per principio perché non è abbastanza bravo a scuola, si riveli un possibile amico.

Ma condividere esperienze in orari extrascolastici può diventare anche un momento per apprezzare quell’insegnante che si stima poco a causa della materia che insegna o perché pare troppo severo ed intransigente.

Durante tali momenti è infine possibile approfondire argomenti che non sono mai stati affrontati in classe per mancanza di tempo o perché l’ambiente non è favorevole.

Tanti buoni motivi quindi per far partecipare tuo figlio alla prossima gita scolastica organizzata dalla sua scuola.

Iscriviti alla newsletter di donnad

Leggi tanti nuovi contenuti e scopri in anteprima le iniziative riservate alla community.