ERBORISTERIA

Caffè verde proprietà e controindicazioni

LEGGI IN 2'

I chicchi di caffè verde non sono altro che chicchi di caffè ancora non tostato. Il caffè verde è ricco di acido clorogenico, sostanza che viene pressoché distrutta con la tostatura e che è divenuta famosa negli USA dopo che, in una trasmissione televisiva, è stata presentata come un rimedio miracoloso per dimagrire senza bisogno di diete e di esercizi fisici. Ma vediamo insieme le proprietà e le controindicazioni del caffè verde.
L’acido clorogenico è un estere e si ottiene dalla combinazione tra l’acido caffeico e l’acido chinico. Sarebbe in grado di ridurre la quantità di glucosio prodotta nel corpo e sarebbe capace di interferire nell’assorbimento dei carboidrati. Il tutto con conseguente diminuzione di lipidi circolanti nel corpo.

In realtà, il mondo scientifico è molto scettico riguardo a queste proprietà e alcuni studi, uno in particolare condotto dalla Western Australia University, hanno constatato che esperimenti effettuati su due gruppi di animali - nutriti con la stessa dieta, ma di cui uno era era stato esposto alla somministrazione di acido cloro genico - non hanno evidenziato nessuna differenza nell’accumulo di grassi.
Di recente l’EFSA (European Food Safety Authority) - l’autorità europea per la sicurezza alimentare - ha esaminato i dati sul caffè verde e sulla sua presunta capacità dimagrante e non li ha ritenuti validi.


Caffè verde: proprietà e controindicazioni

Vediamo, quindi, quali sono le reali caratteristiche del caffè verde. Una su tutte è quella di avere una quantità di caffeina minore rispetto a quello tostato e di diversa qualità. La caffeina del caffè verde, infatti, è legata all’acido cloro genico; questo fa si che venga assorbita molto più lentamente, prolungando sensibilmente il suo effetto nel tempo.


Un altro vantaggio del caffè verde è ascrivibile alla qualità dei polifenoli contenuti nei semi crudi. I polifenoli sono sostanze molto importanti per la salute del nostro organismo, in quanto capaci di prevenire l’invecchiamento delle cellule e lo sviluppo dei tumori. Proteggono, inoltre, da malattie cardiovascolari e dall’aterosclerosi. Un'altra caratteristica del caffè verde è quella di avere un ph intorno a 5, quindi meno aggressivo nei confronti della mucosa gastrica.

Per concludere, corre l’obbligo di rammentare che il caffè verde, anche se in concentrazioni inferiori, contiene comunque una buona quantità di caffeina che, se assunta in eccesso, può provocare insonnia, nervosismo, irregolarità del battito cardiaco, ansia, mal di testa e agitazione. Inoltre, non esistono studi sulla sicurezza del caffè verde in gravidanza.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione