donnad logo
● Hai già scaricato le guide del pulito? Gratis per te consigli per una casa e un bucato a prova di sporco! ● ● Le ricette di una volta spiegate passo per passo! ● ● Iscriviti gratuitamente alle Newsletter di DonnaD! Ricette, concorsi, consigli e idee creative pensate solo per te! ●
Commenti: 13
Pesce fresco, allevato o surgelato?

In pillole:

La differenza principale che c'è tra pesce fresco e selvatico è la quantità di grassi presenti nella carne

Nel caso che la provenienza del pesce fresco sia dubbia è meglio optare per quello surgelato che mantiene delle ottime caratteristiche nutrizionali..

Hai un dubbio sul tipo di pesce che viene venduto nel tuo supermercato o in un altro punto vendita? Chiama la guardia costiera (http://www.guardiacostiera.it/) e chiedi un controllo.

Ormai è risaputo che nella dieta quotidiana non deve mancare il pesce ricco di Omega 3 e di molti altri nutrienti. Su 266 specie presenti nel mare Mediterraneo gli italiani ne acquistano solamente il 10% e lo consumano non più di una volta a settimana. Ma quale pesce scegliere tra allevato, selvatico (cioè catturato in mare) o surgelato? Vediamo insieme alcune informazioni sulla qualità del pesce in base a questa classificazione.

 

PESCE ALLEVATO  - oggi più del 70% del pesce che troviamo in vendita ha origini artificiali. Sogliola, tonno,orata, spigola spesso sono allevati e questo lo si capisce oltre che dal cartello esposto al momento dell'acquisto, che indica la provenienza, anche dal prezzo molto più contenuto rispetto a quello del pesce selvatico. Anche dal punto di vista nutrizionale la differenza è sostanziale, i pesci allevati crescono nutriti con mangimi che contengono disinfettati, antibiotici ed antimicotici per evitare che sviluppino malattie. La qualità del pesce d'allevamento dipende anche dagli integratori che vengono dati, dalla densità dei pesci presenti nelle vasche e dal tipo di acqua utilizzata. Purtroppo al momento dell'acquisto queste informazioni non sono indicate e il consumatore non ha una legge che lo tuteli.

La differenza principale che c'è tra pesce fresco e selvatico è la quantità di grassi presenti nella carne: il pesce allevato cresce in fretta grazie ai mangimi e non si nutre con alghe ed altri microrganismi del mare quindi ha una minore percentuale di acidi grassi omega 3 e contiene più grassi 'cattivi'. Nel dubbio meglio sempre scegliere prodotti locali od europei piuttosto che provenienti dal Vietnam, Indonesia e Cina poiché in questi stati spesso vengono utilizzate sostanze che in Europa non sono permesse.

PESCE SELVATICO - è il migliore per le sue qualità nutritive ma solitamente non è economico a patto che non si scelga il pesce azzurro che è una buona unione di qualità e prezzo: sardine, sgombri, sarde ed acciughe oltre a provenire sicuramente dal mare hanno un buon prezzo e fra i pesci selvatici sono quelli che contengono una maggiore percentuale di Omega 3 (Epa ed Dha) che aiutano ad abbassare il colesterolo cattivo. Se ti piace il salmone scegli quello selvatico, in Scozia infatti nasce e cresce in cattività, in un lago purissimo, un tipo di salmone che ha una carne qualitativamente superiore a quella del salmone norvegese inoltre è molto meno grassa: quando vai dal pescivendolo controlla che sia presente il sigillo che ne attesti la provenienza.

Naturalmente il pesce di mare o di fiume è buono se proviene da fonti pulite quindi cerca di evitare di acquistare quelli pescati nei mari orientali. Non tutti sanno per esempio che il 'pangasio' è un pesce che viene pescato nel Mekong, un fiume del Vietnam altamente inquinato (ci sono oltre 200 scarichi industriali lungo il percorso) ed è quindi di scarsa qualità.

Per riconoscere il pesce fresco devi osservare che la carne sia compatta e soda, che il pesce abbia la coda rigida, l'occhio deve essere tondo e vivo, le branchie rosse e le scaglie lucenti inoltre deve emanare un odore gradevole e non intenso. Il pesce fresco va cucinato entro 24 ore dall'acquisto e conservato nella parte più fredda del frigorifero. I pesci grassi si conservano per molto meno tempo di quelli magri.

PESCE SURGELATO E CONGELATO - sono due diversi tipi di conservazione che preservano il pesce dal suo naturale deterioramento. Congelare il pesce è una pratica più casalinga mentre tramite la surgelazione il pesce viene conservato a -18°C e protetto esternamente con uno strato di ghiaccio detto glassatura che lo preserva dall'ossidazione: questa procedura può avvenire solamente tramite macchinari industriali. Nel caso la provenienza del pesce fresco fosse dubbia è meglio optare per quello surgelato che mantiene delle ottime caratteristiche nutrizionali..

PESCE CONSERVATO - il pesce si trova anche conservato tramite uso del sale o dell'olio, con l'essicazione o l'affumicamento, queste lavorazioni spesso però alterano le sostanze benefiche dell'alimento. La salatura può avvenire sia a secco che in umido ed è utilizzata per acciughe, sardine, sgombri, merluzzi che vengono conservarti sotto sale. Alcuni pesci come lo stoccafisso, che proviene quasi esclusivamente dalla Norvegia, vengono conservati tramite essiccatura, una tecnica che può venire realizzata al naturale o artificialmente (meglio sempre scegliere la lavorazione naturale). Salmone, aringhe, sardine, merluzzo, sgombro vengono affumicati tramite un processo che prevede che il pesce venga prima salato, poi essiccato ed infine impregnato con sostanze che derivano dalla combustione del legno. Il più diffuso sistema di conservazione è quello ottenuto tramite l'inscatolamento di pesci quali il tonno, le sardine, le alici e gli sgombri che vengono cotti, asciugati e conservati in scatolette di alluminio o di vetro con l'aggiunta  di olio o una soluzione di acqua e sale.

HAI UN DUBBIO sul tipo di pesce che viene venduto nel tuo supermercato o in un altro punto vendita? Chiama la Guardia Costiera (http://www.guardiacostiera.it/) e chiedi un controllo, ogni pesce ha l'obbligo di rintracciabilità sia che sia fresco, allevato, tagliato in tranci o surgelato venduto dagli ambulanti come negli esercizi più grandi.

 

Lascia il tuo commento

Per commentare devi effettuare il login

Ultimi commenti

da kriss: 06.09.2009

Sapevo,già tutto visto che ho la fortuna di consumarlo fresco,ne approffitto per lanciare un messaggio:se consumassimo tutti più pesce,il prezzo si abbassarebbe e magari si starebbe più attenti a non inquinare il mare per non rimangiarci quello che ci abbiamo buttato...grazie e saluti a tutti.

da francac: 21.07.2009

grazie per questi UTILISSIMI consigli!!!!!!!!!!!!

da -: 20.07.2009

errata corrige [tramite=tranne]

da -: 20.07.2009

Io amo qualunque tipo di pesce tramite quelli che non si conoscono ma vengono venduti in commercio lo stesso..quando mi trovo a Roma o in Calabria compro alici, orate, cozze, vongole, merluzzi e li cucino nel migliore dei modi per me e la mia famiglia!

da Mara: 19.07.2009

Ciao a tutti...io amo il pesce e da quando non vivo più a Messina, la mia città Natale, pur adorandolo il pesce lo vedo col binocolo....compro ben poco, non mi fido...ed evito sempre il pesce allevato...non mi piace...ha un gusto che sinceramente mi nausea...il sapore del pesce fresco selvatico è tutta un'altra cosa...Compro però spesso le alici, anche se sono impegnative da pulire, lo faccio volentieri...pur di mangiare pesce fresco e buono, farei questo ed altro.... P.S.: ho notato che non hanno parlato del polipo e dei calameri freschi....qualcuno sa se ci si può fidare...io li compro quando li trovo freschi...a noi a casa piacciono tantissimo...

da maria: 18.07.2009

consumiamo spesso orate ma quasi sempre sono coltivate...a volte compriamo le alici ma sono da pulire e questo per chi lavora risulta uno stress!!!

da SONIA: 18.07.2009

noi consumiamo sia congelato che fresco, quest'ultimo spesso di allevamento per i costi minori. Gli amici pescatori sono pochi e raramente abbiamo la possibilità di mangiare pesco fresco di mare e soprattutto delle nostre zone. Grazie e saluti a tutti voi! Sonia

da iris: 17.07.2009

vendo pesce e lo pesco . è vero quello che avete detto .Ma non è vero che il pesce costa tanto , sono le donne che lo schivano perchè non hanno voglia di farlo e pulirlo

da chiava: 17.07.2009

Veramente scandaloso offrire il pangasio come un surrogato della sogliola, come abitualmente mi dicono al supermercato dove indico sempre che è per mia figlia!!!

da ivan: 17.07.2009

ho rispolverato quello che già sapevo ma che avevo un po' dimenticato. grazie

da -: 17.07.2009

ho imparato cose che non sapevo. grazie

da calla1955: 15.07.2009

complimenti per l'articolo è veramente interressante....vorrei dire che se fosse per mè mangerei pesce tutti i giorni però è costoso soprattutto quello fresco e poi è veramente fresco,quakche volta ho avuto dei dubbi per via dell'odore e della carne troppo molle,e poi come è pescato i nostri mari e quelli esteri sono veramente puliti e affidabili per i momenti che stiamo vivendo tutti nel nostro pianeta ho dei dubbi........mi piacerebbe che tutto cio' che mangiamo fosse pulito e frsco ma non è così.........ciao da calla

da gattex: 11.07.2009

ciao utile...

CERCA RICETTE

ricerca avanzata... cerca!

ABC Cucina Dizionario

Abbrustolire

Esporre un alimento a forte calore, su una griglia, sulla fiamma diretta, sulla piastra o su una padella ben calda.

A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z

Cos'hai in frigo?

Quali ricette puoi preparare con gli ingredienti a tua disposizione?