IN FORMA

Pelle arrossata e che tira: cosa usare per calmare subito il bruciore

LEGGI IN 2'

La nostra pelle è un po' il nostro scudo di protezione verso l'esterno. Per questo motivo è importante mantenerla sempre in salute, correndo ai ripari ogni qualvolta ci mostra segni di cedimento. La pelle arrossata, magari a causa di prolungata esposizione al sole, scottature da acqua calda o da padellame bollente o da irritazioni da contatto, brucia e tira, limitandoci molto nelle nostre attività quotidiane.

Anche le punture di insetto possono arrossare la cute, provocando prurito e stimolando il desiderio di grattamento. In questo come negli altri casi, è bene agire in modo tempestivo, così da evitare inutili sofferenze, compresi prurito e bruciore.

Ovviamente, se ci troviamo difronte ad un'ustione di una certa importanza, l'unica via percorribile è quella di rivolgerci alla guardia medica o al pronto soccorso, in modo che ad occuparsi del problema sia personale qualificato e in grado di agire nel modo migliore possibile.

Se invece la pelle arrossata è figlia di bruciature solari o domestiche di piccola entità, possiamo ricorrere a rimedi casalinghi. Innanzi tutto è bene tenere sempre nel cofanetto dei medicinali, un tubetto di crema o gel anti scottature, come la classica Foille, seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo.

In genere questo tipo di pomate richiedono di stendere il prodotto solo se la cute è integra, quindi priva di ferite o escoriazioni e di coprire l'impacco con garza sterile, senza stringere troppo. L'applicazione può essere rinnovata nei giorni successivi fino a quando non si nota un miglioramento.

Più naturali ma comunque efficaci sono anche i cataplasmi a base di aloe vera gel, che assorbe molto velocemente l'infiammazione, penetrando i vari strati di pelle o i massaggi superficiali, quindi senza sfregare troppo, con burro di karitè, un rimedio molto usato dalle donne africane per risolvere ogni problema di pelle.

In genere quando la pelle è arrossata e tira, è anche molto calda al tatto. Per questo motivo abbassare la sua temperatura può darci immediato sollievo. Oltre all'impacco con il ghiaccio, possiamo provare l'applicazione di fette di cetriolo freddo, che rinfrescano la cute e la idratano grazie alla presenza di liquidi di questo ortaggio.

Molto buona è anche la purea di banana fredda di frigo, che possiamo applicare sulla pelle che brucia e tira per disinfiammarla. Sul viso possiamo usare anche lo yogurt bianco, amalgamato con un cucchiaio di miele. Questo rimedio va steso nelle zone arrossate e lasciato agire per 10-15 minuti prima sciacquare via con acqua di rubinetto fresca.

In ultimo possiamo usare le patate, un vecchio rimedio della nonna molto usato per contrastare le bruciature da esposizione al sole. Le patate contengono infatti solanina, in grado di togliere l'infiammo e dare sollievo veloce dal bruciore da scottatura. Usiamo il tubero tagliato a fette o grattugiato, da appoggiare nelle zone arrossate per avere beneficio immediato.

Fino a quando la pelle è arrossata e irritata, è bene limitare l'uso di saponi e detergenti aggressivi. Preferiamo piuttosto lavaggi a base di amido di riso, che rinfresca e ripara la cute, senza seccarla.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione