CERIMONIA DI MATRIMONIO: GUIDA

Matrimonio civile, idee per una cerimonia d'effetto: dalle promesse ai riti simbolici

LEGGI IN 3'

Anche tu fai parte di una di quelle giovani coppie che per il "giorno del sì", cercano idee originali per un matrimonio civile?

Chi opta per questa soluzione ha spesso paura che il luogo comunale previsto dalla legge non sia esattamente quello dei sogni, soprattutto se parliamo di comuni più piccoli.

La regolamentazione italiana, infatti, prevede che il rito civile sia celebrato in un edificio o in una sala del comune salvo alcune rare e particolari eccezioni. Un giorno così importante merita che gli sposi possano personalizzare la loro cerimonia e non limitarsi alla semplice lettura degli articoli legali. Prima di iniziare ad organizzarti prova a contattare il tuo comune e informati su ciò che vi è concesso. 

Ma come rendere ancora più speciale questo giorno così bello?

Le letture. Con un brano adatto è possibile regalare quel tocco di romanticismo che non dovrà assolutamente mancare. Tu e il tuo sposo potrete scegliere due brani a cui siete particolarmente legati, o che sentite adatti, e farli leggere ad un genitore o a qualche caro amico. Sono molti gli scrittori che hanno dedicato pagine e pagine all’amore: la scelta è molto ampia. Ma non solo, qualche amica, sorella o fratello potrebbe avere il desiderio di leggere una lettera dedicata a voi.

Le promesse. Poco diffuse nel nostro Paese, le promesse di matrimonio sono scritte dagli sposi e lette solo il giorno delle nozze. Vere e proprie dichiarazioni d’amore o di una futura e serena vita insieme, le promesse sono il momento più intimo della cerimonia e, in genere, vengono lette prima dell’apposizione delle firme. 

La musica. Anche se la cerimonia sarà più breve non servirà rinunciare all’accompagnamento musicale, anzi personalizza il più possibile il tuo ingresso con un brano significativo per entrambi (magari la vostra canzone). Se il tuo comune te lo permette perché non scegliere un accompagnamento di arpa o violini?

Matrimonio Laico Umanista. Questa formula è molto conosciuta tre le coppie che desiderano massima libertà di festeggiamento. In questo caso vi recherete prima in Municipio per la cerimonia ufficiale e apporre le vostre firme. La vera cerimonia per voi sarà dopo, quando incontrerete amici e famiglia. In questo caso la ‘festa’ non avrà limiti di location e anche il celebrante potrà essere laico e scelto da voi. In questo caso potrete sbizzarrirvi e personalizzare al meglio il vostro giorno. 

Riti simbolici. Ci sono alcune cerimonie che si possono inserire sia nel rito in comune sia in quello laico umanista. 
Una di queste è la ‘cerimonia delle candele’: tu e il tuo sposo avrete una candela a testa e andrete assieme ad accendere una candela più grande, simbolo della nuova vita insieme. 

O ancora la ‘legatura delle mani’, rituale di origine celtica dove a  te e al tuo sposo verranno unite le mani con un nastro per simboleggiare l’impegno per una serena vita insieme. 

Se questo non ti dovesse piacere, puoi optare per la ‘cerimonia della sabbia’: tu e il tuo sposo utilizzerete due contenitori con sabbia di colori diversi e ne verserete il contenuto in un contenitore più grande. 

Per gli amanti dell’ecologia, un’idea potrebbe essere quella di piantare un albero, nel caso di una cerimonia all’aperto o, infine, l’idea di creare una ‘capsula del tempo’ da sigillare durante la cerimonia e riaprire in un lontano anniversario!

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione