NOTIZIE D

Carol: Cate Blanchet da Oscar in un film controverso

LEGGI IN 3'

Carol di Todd Haynes è uno dei film che si giocheranno un certo numero di statuette durante la notte degli Oscar e che difficilmente usciranno dal Dolby Theatre senza un premio. Cate Blanchett e Rooney Mara saranno candidate al premio dell’Accademy rispettivamente come migliore attrice protagonista e non protagonista. Il film Carol, tratto dall’omonimo romanzo di Patricia Highsmith, concorrerà anche come miglior sceneggiatura non originale, per la fotografia, i costumi e la miglior colonna sonora originale.   

Ambientato nell’America degli anni ’50, Carol è l’affresco di un’epoca caratterizzata da sentimenti contrastanti, oscillanti tra ottimismo e grandi paure. La storia della giallista Highsmith racconta la storia d’amore tra due donne di New York - Therese Belivet (Rooney Mara) e Carol Aird (Cate Blanchett) – capaci di sfidare i tabù imposti dalla morale dell'epoca, che condanna la loro innegabile attrazione, a dimostrazione della forza e della capacità di resistenza dei sentimenti.

Therese è una ventenne che lavora come impiegata in un grande magazzino a Manhattan sognando una vita più gratificante. Un giorno incontra Carol, una donna attraente intrappolata in un matrimonio di convenienza e senza amore. Tra loro scatta immediatamente un'intesa, e l'innocenza del loro primo incontro piano piano svanisce al progressivo approfondirsi del loro legame. 

Se il libro della Highsmith era già destinato a diventare uno dei casi letterari dell'epoca, la sceneggiatura di Phyllis Nagy - pur molto fedele al romanzo originale - favorisce la necessità di Haynes di raccontare una storia d’amore che le protagoniste stesse fanno fatica a decifrare e che deve affrontare gli attacchi del mondo.

La società degli anni ’50 “seguiva un cammino stabilito dalle regole”, come dice Haynes: il turbamento emotivo che caratterizza i personaggi del film è radicato nei mondi convenzionali in cui vivono Carol e Therese. In una società del genere, in cui l'atteggiamento collettivo verso i desideri e le emozioni degli omosessuali cominciano impercettibilmente a mutare ma in cui il lesbismo è ben lungi dall’essere accettato, il film offre un'immagine realistica e ancora attuale delle sfide e delle difficoltà affrontate da persone che vivono un amore non da tutti considerato esemplare.  

Cate Blanchet è attualmente considerata una delle migliori attrici di Hollywood. La sua interpretazione di Carol è impeccabile: si cala con forza nel ruolo di una donna matura che vive un momento di grande vulnerabilità, sul punto di divorziare e di affrontare un enorme cambiamento esistenziale. Per una grande attrice, un ruolo che dia voce a un personaggio dalla ricca vita interiore è stato un’occasione ghiotta.

Le diverse facce dell'amore si manifestano attraverso l’esperienza del dolore: Carol confessa i suoi sentimenti per Therese facendo percepire la sofferenza che spesso accompagna l'innamoramento. È una donna matura che – come succede di frequente - ha una diversa percezione del rischio rispetto alla giovane amica. Rooney Mara, per descrivere questo stato, dice così: “Quando ti innamori pensi continuamente ai possibili diversi scenari che potrebbero verificarsi, a tutto quello che potrebbe andare storto o andare diversamente dai piani che avevi in mente”. 

La regia di Todd Haynes – che segue un filone di critica sociale già inaugurato con Lontano dal Paradiso – è raffinata ed evocativa: il film rimane elegante anche nei momenti di maggior drammaticità e, nonostante la distanza temporale, appare legato a doppio filo alla situazione odierna, nonostante la politically correctness imperante e lo sdoganamento dell’amore lesbico.

Olivia Chierighini
Scritto da:

Olivia Chierighini

Mi chiamo Olivia Chierighini; sono giornalista, esperta di comunicazione e blogger ma, più di ogni altra cosa, amo occuparmi di cibo, cultura, società e varia antropologia. C’è chi dice io sia una chiacchierona: per una dose quotidiana di humour e ottimismo, mi trovate sul blog OliviaQuantoBasta.

OliviaQuantoBasta

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Articolo molto interessante

2 anni fa

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione

A partire dal 18/04/2018 abbiamo aggiornato la nostra privacy policy in totale rispetto dei nuovi standard del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) introdotto dall’Unione europea.

Accetta la politica sulla privacy INFORMATIVA PRIVACY