NOTIZIE D

Bellezza al naturale? L'artista che strucca le bambole

LEGGI IN 3'

Cosa succede alle vecchie bambole con cui le bambine non giocano più? C'è chi ha pensato che fossero meritevoli di una seconda vita, in una chiave un po' diversa dalla prima. Sonia Singh, una mamma della Tasmania (Australia) ha, infatti, deciso di recuperare i vecchi giochi da bambina e reinterpretarli in veste attuale per sua figlia. Per farlo ha dato un colpo di spugna al loro make-up e al loro look. Proprio così. Ricordi quelle bambole sempre truccate e vestite con micro abiti e tacchi alti? Anche loro, come dimostra il lavoro di questa mamma, sono belle al naturale

Il progetto Tree change Dolls è nato per hobby e si è presto trasformato in un caso virale che ha conquistato il web grazie alle prime foto pubblicate da Sonia Singh con le sue "amiche" tirate a nuovo nel suo giardino. Con qualche goccia di acetone e l'aiuto della mamma che confeziona abitini in maglia, Sonia ha donato un nuovo look tutto acqua e sapone alle vecchie bambole. Dopo aver cancellato le tracce di make-up, ha ridisegnato gli occhi e le labbra con pennelli sottili regalando loro un'espressione semplice. Per renderle ancora più dolci, le ha rivestite con morbidi abitini e cardigan. Non si tratta di un look castigato, ma di una versione casual che ha sostituito le micro-gonne inguinali con shorts comodi e sportivi e preferisce stivali bassi a scarpe con lo stiletto. 

Non solo un passatempo, quindi, ma un gesto simbolico che vuole riproporre un modello di bellezza autentico.

Il successo dell'iniziativa è stato tale che le richieste per acquistare le nuove bambole struccate sono arrivate non solo dall'Australia, ma da tutto il mondo. Peccato che la mamma artista, appunto perché si trattava di un hobby, ne aveva fate solo 12! 

Adesso, Sonia Singh con l'aiuto della mamma e della sorella, dopo interviste, messaggi, migliaia di richieste arrivate, ha messo in vendita le sue bambole su Etsy, ma ha subito specificato che non è interessata a farne un business: si rischierebbe, infatti, di annullare il valore artistico dei suoi lavori e del suo progetto. Per questa ragione ha anche deciso di mettere a disposizione delle donne, che ne hanno fatto richiesta, dei video tutorial che insegnino a struccare le bambole e trasformarle in modo unico e irripetibile. Inoltre ogni mese su eBay viene messa all'asta una bambola realizzata appositamente per progetti di charity.

Un altro particolare? Alcune di queste bambole hanno una storia da raccontare e Sonia ha deciso di dare loro voce sulla sua pagina Facebook. Come per esempio Lucy: "Ciao sono Lucy e mi piace stare in compagnia delle mie galline in cortile, si chiamano Dama Eggna e Julayer. Le nutro con gli avanzi di cibo e un sacco di erba verde. Inoltre mi occupo di recuperare per loro il pellet così che possano deporre le uova con gusci forti. A volte vado a caccia di lumache nel giardino anche per loro. Sono dei grandi animali domestici e mi piace vederle becchettare in giro. Quando sono in giardino mi rilasso e mi diverto assistendo ai loro giochi." 

Un consiglio? Non cercare mai la perfezione nel disegno degli occhi e delle labbra. Nessuna di noi, donne vere e reali, ha le due parti del viso perfettamente simmetriche. E, anche nel caso delle bambole, qualche difettuccio può solo renderle più naturali e simpatiche. Sonia Singh ci tiene a farlo notare ogni volta che illustra come dipingere i lineamenti delle bambole.

Pensi che sia un’idea che potrai sfruttare per le tue figlie o per fare un regalo gradito? Comincia a curiosare sul sito di Sonia Singh e vai in cerca delle tue vecchie bambole.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione