PAPÀ E ADOLESCENZA

Adolescenza: 5 consigli per i papà

LEGGI IN 2'

Da un giorno all’altro ti ritrovi con un adolescente in casa e non sempre è facile gestire sbalzi di umore, lunghi silenzi e un modo nuovo, quello dei tuoi figli che stanno diventando adulti, di affrontare la vita.
Ecco allora 5 consigli per tutti i papà per gestire serenamente questa importante fase nella vita dei ragazzi.

  • Durante l’adolescenza maschi e femmine si comportano differentemente: le ragazze diventano più insicure mentre i ragazzi tendono a essere un po’ arroganti, ma in entrambi i casi i tuoi figli stanno facendo i conti con i propri limiti e potenzialità. 
  • Diventa un abile negoziatore: se per esempio i tuoi ragazzi ti chiedono di potere andare al concerto della loro band preferita e tu sei incerto sul da farsi mentre una parte di te vorrebbe dire subito sì e l’altra invece è risoluta a negarglielo perché “domani c’è scuola”, prova a intavolare una discussione costruttiva e proponi soluzioni a metà strada tra il loro desiderio e le tue regole. Potresti decidere di accompagnarli, insieme a un amico, per poi mantenere la giusta distanza durante il concerto, oppure concordare di andare a prenderli entro un’ora stabilita da te. In questo modo darai loro la fiducia che meritano e allo stesso tempo non dovrai cedere su quelle che ritieni regole importanti per la gestione della routine settimanale. 
  • Non fossilizzarti: non devi per forza scegliere di essere rigido o amichevole, comportati diversamente a seconda delle situazioni. L’adolescenza non è una malattia e a volte lo scontro è inevitabile, anche se la paura di non essere più “il suo eroe” ti spaventa a morte. Se tuo figlio usa parole forti lo fa perché ha bisogno di confrontarsi con l’immagine che ha di te da quando è nato e calibrarla al suo nuovo modo di percepire il mondo: troverete presto un nuovo equilibrio. 
  • Il papà e la mamma continuano a essere importanti: anche se ti sembra che in questo momento i tuoi ragazzi abbiano bisogno più di un amico che di un genitore, non cadere nell’errore di assecondare ogni richiesta e trattarli come se fossero già degli adulti. Tu rivesti ancora l’importantissimo ruolo di “contenimento” che hai da quando sono nati. Concedi ai tuoi figli fiducia nella misura in cui sono pronti e in maniera progressiva ma non dimenticarti che sei ancora una delle persone più autorevoli che hanno intorno.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione