CRESCITA

Fiabe moderne, 4 nuove eroine di cui ci piacerebbe conoscere la storia

LEGGI IN 4'

Te le ricordi le fiabe e le favole che da bambina ti facevano volare con la fantasia? Ogni volta dietro quelle storie c’erano luoghi incantati che ti aspettavano, castelli nascosti nel cuore del bosco, principesse in attesa del loro principe azzurro e mostri da combattere che, almeno alla fine, venivano sconfitti. Tra le protagoniste Cenerentola, Biancaneve, la Sirenetta e Jasmine di Aladdin.

Leggere ai tuoi bimbi una storia prima di andare a letto è un momento da condividere che riunisce la famiglia. Qualche volta, però, te lo chiedi: “Andranno bene per loro le stesse fiabe che leggevano a noi?”. La tradizione, infatti, ci ha regalato mondi ben lontani dalla realtà in cui esiste la magia per risolvere i problemi

E se invece le fiabe prendessero spunto dalla vita vera e ci fossero personaggi nei quali tutti si possono davvero immedesimare? Ci potrebbero essere, per esempio, protagonisti che hanno gli stessi mezzi per raggiungere il successo di cui noi stesse disponiamo: l’ingegno, l’intraprendenza, la costanza, l’abilità, l’intuito e tanto altro. 

Due italiane, Elena Favilli e Francesca Cavallo, hanno provato a immaginare delle eroine moderne per trovare nuovi modelli per i bambini e farli volare con la fantasia, ma tenendo i piedi ben piantati per terra. Si tratta del progetto Good Night Stories for Rebel Girls, Storie della buonanotte per ragazze coraggiose, un libro in cui le vite di donne straordinarie (come la pittrice Frida Kahlo, la tennista Serena Williams, la Regina d’Inghilterra Elisabetta II) fungono da stimolo per i più giovani.

Su questa scia, abbiamo immaginato quali potrebbero essere le principesse moderni ed ecco una selezione di donne che, con le loro ammirabili qualità, hanno plasmato la storia recente. 

  • Samantha Cristoforetti, astronauta

Chi non si ricorda di Samantha Cristoforetti dopo la sua celebratissima missione spaziale avvenuta nel 2014 con Avamposto 42? La sua è una storia di grande successo, ma soprattutto di grande costanza e fatica. Per arrivare nello spazio ce l’ha messa tutta: è diventata ingegnere, aviatrice, astronauta ed è stata selezionata come prima donna negli equipaggi dell’Agenzia Spaziale Europea. Inoltre conosce ben 4 lingue: inglese, francese, tedesco e russo. Altro su di lei? Prima di imbarcarsi per andare nell’universo ha dovuto affrontare molte prove e un duro addestramento.

Perché è un’eroina moderna? La sua è una storia di determinazione, passione e grandi sogni, quelli che ha nutrito fin da bambina, quando abitava in un piccolo paese di montagna.

  • Artemisia Gentileschi, pittrice

Essere un’artista donna nel 1600 non era un’impresa facile. Ai tempi, l’ambito era presidiato esclusivamente dagli uomini e nel mondo delle botteghe artigianali era difficile farsi spazio. Eppure Artemisia, caparbia e determinata, ci è riuscita. Fin da bambina era cresciuta a Roma, in un ambiente legato all’arte, in cui ebbe modo di incontrare pittori e artisti. Fu al centro di un grande scandalo che la vide protagonista e per questo venne messa sotto tortura e sottoposta allo schiacciamento dei pollici. Non si arrese, vinse il processo contro l’uomo accusato di violenza contro di lei e cominciò a viaggiare in Europa per lavorare presso le corti che se la contendevano, considerandola al pari di un uomo. Fu la prima donna artista a essere ammessa nell’Accademia di Belle Arti.

Perché è un’eroina moderna? La sua storia dimostra che la bravura, la capacità e una forte personalità sanno spazzare via ogni tipo di pregiudizio e sanno creare nuovi spazi in ambiti in cui nessuno prima si era affermato.

  • J. K. Rowling, scrittrice della saga di Harry Potter

È capitato a J. K. Rowling di raccontare la sua storia. La creatrice del maghetto più famoso del mondo è diventata scrittrice quasi inaspettatamente e in un momento buio della sua vita, dopo aver affrontato un divorzio, un trasloco e la perdita del lavoro. Pare che sua figlia Jessica avesse problemi a dormire e questo la costrinse in qualche modo a doversi procurare storie sempre nuove. Le avventure di Harry Potter cominciarono così, nel bar del cognato e per superare dei momenti difficili.

Perché è un’eroina moderna? La sua è la storia di una donna che, anche in un momento difficile, è riuscita a trovare la forza di rialzarsi e dimostra come anche gli ostacoli più ardui, se superati con determinazione, possano portare al successo.

  • Rosa Parks, attivista per i diritti civili

Il 1 dicembre del 1955 a Montgomery in Alabama, Rosa Parks, una donna nera che lavorava in un grande magazzino come sarta, cambiò la storia dei diritti civili. Era sull’autobus per tornare a casa e quella sera faceva molto freddo. Nella zona dei seggiolini riservati agli afroamericani non c’era posto, decise così di sedersi nel settore dei bianchi. Quando un uomo bianco salì sull’autobus e rimase in piedi, l’autista le chiese di alzarsi. Lei non si scompose e rifiutò con decisione. Fu arrestata per aver infranto il divieto che obbligava i neri a cedere il posto. Dal suo atto prese avvio una rivolta storica che si univa a quella di Martin Luther King e, dopo molte proteste, nel 1956 la Corte Suprema degli Stati Uniti dichiarò fuorilegge la segregazione razziale sui mezzi di trasporto.

Perché è un’eroina moderna? La sua storia fa capire come i diritti siano il frutto di un’azione consapevole e convinta che non si arresta davanti alle difficoltà. Per ottenere quello che si vuole bisogna combattere e non arrendersi mai.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione