SCUOLA

Maturità: che dieta scegliere a seconda della tipologia di studente

LEGGI IN 2'

Scommettiamo che ancora ricordi con ansia i giorni della maturità. Si presentano nei tuoi peggiori incubi e ti svegli di soprassalto fra traduzioni di greco impossibili, problemi di geometria che tendono a infinito e tracce di temi poco vicini a quelli che sono i tuoi interessi e i tuoi autori preferiti.

Da sempre l’esame di maturità ha messo a dura prova generazioni di studenti: chi ha studiato con regolarità è stanco e vuole che il risultato finale lo ripaghi degli sforzi compiuti, chi invece è stato più svogliato cerca di recuperare in pochi giorni e si sente, non a torto, sotto pressione.

È difficile fornire un aiuto concreto ai figli in questo periodo della loro vita, possiamo però supportarli preparando loro i pasti più adeguati in base alle loro caratteristiche.

Ansioso, emotivo, insonne

Se è uno studente molto cerebrale, che si fa prendere dall’ansia e –di conseguenza- presenta mani fredde, sudorazione, colite da stress e fa fatica a dormire, devi cercare di aiutare la sua mente a stare concentrata e a non stressarsi più di quanto già faccia. Preparagli colazioni nutrienti a base di frutta (magari centrifugata), anche secca, latte, cereali, uova; pasti a base di proteine magre (pesce, uova, carne bianca), frutta, verdura e legumi (ma attenzione alla colite!), aiuta a far rilassare lui e il suo stomaco con tisane da sostituire a caffè e tè, che non farebbero che agitarlo ulteriormente. E niente studio durante le ore notturne!

Non troppo emotivo, sopporta bene lo stress, in buona forma fisica

Al contrario, se il giovane regge bene le situazioni ad alta tensione, aiutalo con spuntini sparsi durante la giornata a base di cioccolata e mandorle, noci, nocciole e tè verde. I pasti non si saltano per studiare o andare in palestra, e devono essere sempre presenti le proteine magre, così come le porzioni di verdura. E alle 11 a letto!

Razionale, con un atteggiamento tendenzialmente svogliato

Se tuo figlio non si fa prendere dal panico e cerca di raggiungere il massimo risultato con il minimo sforzo, ha forse bisogno di essere stimolato al fine di raggiungere obiettivi un po’ più importanti. Dagli una piccola scossa con tè verde, ginseng e vitamina B!

Pigro, rassegnato, inguaribile ottimista

Infine, se il ragazzo ha sempre avuto qualche problema di disinteresse nei confronti dello studio e crede nella Provvidenza di manzoniana memoria, non potrà pretendere di maturarsi con il massimo dei voti. Riduci ai minimi termini il numero pisolini, in modo da far sì che studi il più possibile, limitando i carboidrati complessi e aiuta il suo sistema nervoso e il metabolismo servendogli spesso tè verde, il caffè verde in tisana, guaranà!

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione