ALIMENTAZIONE E SPORT

La dieta del gatto

Il gatto è un fedele amico dell'uomo da centinaia di anni. Nonostante questo conserva i fabbisogni alimentari e il sistema digerente tipici dei predatori. Per questo i gatti sono soliti consumare molti brevi pasti al giorno, appartati e con intervalli di tempo non precisamente regolari. La corretta alimentazione del gatto deve quindi tener conto di specifiche nozioni, molto diverse da quelle relative ad altri animali domestici.
LEGGI IN 2'

Importante è abituare il nostro micio ad una alimentazione sana ed equilibrata fin da cucciolo. Durante lo svezzamento quindi, che inizia all'incirca dopo 50 giorni dalla nascita, è possibile nutrire i cuccioli con latte commerciale per gattini e cibo umido o secco specifico, oppure con alimenti omogeneizzati. Lo svezzamento si completa attorno alle 6-8 settimane, ma è comunque consigliabile continuare la somministrazione di cibo per gattini fino a 9 mesi di età.

Il gatto è un carnivoro che in natura si nutrirebbe di roditori o di altre piccole prede, ma non disdegna cereali, frutta e verdura. Ideale quindi una dieta ricca di proteine e grassi e povera di zuccheri e fibra. Le fonti proteiche migliori sono costituite soprattutto dalla carne, dalle uova e dai formaggi (ovviamente se ben tollerati), dal pesce e dal latte (ma in alcuni casi può provocargli dei problemi).

Per quanto riguarda i cibi commerciali, certamente bilanciati e molto graditi dall'animale, è utile attenersi sempre alle dosi consigliate. Esistono in commercio due tipi di cibo: quello umido (scatolette) e quello secco (croccantini). In generale, un gatto adulto consuma circa 400 grammi giornalieri di mangime umido o 100 grammi di mangime secco. La quantità esatta è comunque quella utile a mantenere l'animale in condizioni fisiche ottimali.

Importante è abituare l'animale ad assumere sia cibi casalinghi che industriali, ma la cosa non è facile in quanto spesso i gatti hanno il vizio di nutrirsi con un solo tipo di cibo in scatola o un solo tipo di carne o di pesce. Questa "dipendenza" rappresenta quindi un errore dietetico gravissimo da parte del proprietario.

Per quanto riguarda i liquidi in genere il gatto ha bisogno di quantità minime di acqua per sopravvivere. L'acqua comunque è un componente essenziale nell'alimentazione di questo animale e non dovrebbe mai mancare vicino alla ciotola del cibo. Questa andrà posizionata in un angolo tranquillo lontano dalla lettiera.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione