VISO E CORPO

Come idratare la pelle in profondità durante la stagione fredda

LEGGI IN 3'

Quando il termometro va troppo in alto o troppo in basso, come durante l'inverno, la nostra pelle lo sente e non solo per il disagio immediato del gelo sul nostro viso. Al contrario, il clima freddo e secco tipico della stagione invernale, è in grado di danneggiare la cute in modo sistematico, levandole l'idratazione e quindi facilitando screpolature e spaccature.

Per questo motivo è necessario dare qualche attenzione in più alla nostra epidermide nei mesi che vanno da novembre a febbraio, durante i quali va protetta più del solito. Innanzi tutto, diciamo sì a sciarpe, cappelli o cappucci per coprire dal vento le parti esposte. Può sembrare utile solo ai fini della salute, ma in realtà serve anche all'estetica.

Il vento è infatti il primo nemico della cute, tendendo a seccarla. Per questo motivo le protezioni tipiche del periodo freddo per tenere testa e gola al caldo quando usciamo, vanno estese anche fino al naso o almeno fino alla bocca per quanto riguarda la parte bassa del viso, mentre devono coprire per quanto possibile la fronte in quella alta.

Ovviamente queste accortezze non sono sufficienti per mantenere bella la pelle. Invece è essenziale nutrirla su più fronti, in modo da renderla più forte contro gli attacchi della stagione fredda.

Per idratare la pelle in profondità in inverno, è necessario attivare una beauty routine che parte da quello che mangiamo a tavola. Frutta e soprattutto ortaggi di stagione sono un toccasana per pelle e capelli, in quanto sono fonte importante di vitamine e minerali. A proposito di vitamine, mai farci mancare la A, la C e la E, che servono a rinforzarla e a renderla più luminosa ed elastica.

Importante anche bere la giusta quantità di acqua nel corso della giornata, per mantenere il corpo idratato dall'interno e non far mancare i liquidi anche alla pelle.

Da non dimenticare anche le buone abitudini. Prima di uscire di casa, anche se non ci trucchiamo, stendiamo sempre un po' di crema viso nutriente, preferibilmente con protezione UVA e UVB, perché anche in inverno i raggi del sole possono creare problemi. Importante questa scelta soprattutto se viviamo in zone di montagna, dove è facile scottarsi. Lo sanno bene gli sciatori.

In realtà le creme viso andrebbero applicate anche la sera, dopo la pulizia del viso con un latte detergente e un tonico senza alcol (quest'ultimo può seccare troppo la cute), perché durante la notte la cute è decisamente più ricettiva ai trattamenti.

Per fare in modo di nutrire la pelle in profondità, aiutiamoci anche con gli oli vegetali, come quello di argan, quello di cocco o quello di mandorle. Molto buono anche quello di oliva, che possiamo anche usare insieme al sale grosso per uno scrub viso/corpo che elimini le cellule morte e le screpolature. Burri e oli, se usati da soli, andranno invece messi sull'epidermide pulita almeno una volta a settimana, con leggero massaggio, per curare la disidratazione e aumentare l'elasticità e la tonicità della cute nella stagione fredda.

I burri, come quello di cacao, sono ottimi anche per talloni, ginocchia e gomiti, se in inverno sono più secchi del solito, ma soprattutto per le labbra, che diventano più sensibili alle spaccature e vanno quindi protette.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione