IDEE VERDI

Trattamenti ecologici per il pavimento in cotto

LEGGI IN 2'

Il cotto è da sempre uno dei pavimenti che più regalano un'atmosfera accogliente alla casa, grazie a quel connubio di materiale grezzo e di colore caldo che solo l'argilla sa dare. Il trattamento iniziale, effettuato con prodotti specifici, che viene effettuato dai professionisti durante la posa in opera del pavimento è una fase molto importante.

Il cotto, sia nella variante “industriale” o fiorentina, fatta di piastrelle quadrate più grandi e rossicce, sia in quella artigianale, piastrelle tendenzialmente più spesse simili a mattonelle e di un colore più chiaro, è una superficie molto porosa ed assorbente. Vediamo come è possibile mantenere bello il cotto nella vita di tutti i giorni.

Scopri anche la guida che ti spiega come pulire il cotto!

Un pavimento poroso

Per questo, quando si macchia le regole da seguire sono fondamentalmente due. Innanzitutto non pulire con ampi gesti circolari, che allargherebbero la chiazza ulteriormente, e in secondo luogo agire il più velocemente possibile per non lasciare penetrare la macchia in profondità.

Macchia acida, macchia d'unto

Se una sostanza acida cade a macchiare il cotto cospargetela con del bicarbonato, che essendo una sostanza basica tende a neutralizzare l'acido. Una volta rimosso il bicarbonato passate con una spugnetta bagnata con acqua e sapone di marsiglia. Per macchie di grasso tamponate subito con carta assorbente.

I segni della scarpe

Le scarpe con le suole di gomma possono lasciare dei segni anche importanti sul cotto. Soprattutto se si tratta di cotto industriale i segni potrebbero essere parecchio in rilievo e “gommosi”. Passando semplicemente con il dito potete cercare di rimuovere il film che si è creato più superficialmente. Intervenite poi con una spugna imbevuta di poco detergente neutro.

L'umidità

Una fioritura di piccole macchiette bianche è quasi sicuramente sintomo di umidità che sale dal terreno, affiorando in superficie. Potete risolvere utilizzando una soluzione fatta con due parti di acqua e una di anticalcare.

Leggi anche:

Articoli più recenti in questa sezione

Cosa ne pensi?
INVIA
o Registrati a DonnaD per commentare.

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di DonnaD per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione