SCOVA IL NEMICO IN CASA TUA

ragazza con raffreddore

Arreda la camera di tuo figlio con mobili realizzati con pannelli ecologici E1, fabbricati con legno riciclabile.Tende, cuscini e tappeti dovrebbero essere composti da tessuti naturali come il cotone, il lino o la canapa che non sono trattati con sostanze chimiche nocive e funzionano da schermo contro i campi elettromagnetici.Le nuove pitture murali non contengono derivati dal petrolio e neanche solventi tossici ma scorze di agrumi, cera d'api, olio di lino, uova e latte.

Allergie, dermatiti e raffreddori e se fossero i mobili di casa tua a scatenarli? Molti di noi si preoccupano della qualità dell'aria che respiriamo fuori casa mentre pochi riflettono sul fatto che anche in casa oggetti, materiale da costruzione, pittura e arredamento possono essere fonti d'inquinamento. 

La formaldeide e il benzene, contenuti nei truciolati e nelle colle dei materiali che compongono alcuni tipi di mobili, sono gas cancerogeni che possono provocare tosse, asma ed eczemi. Per evitare che ciò avvenga sarebbe opportuno scegliere di arredare la casa con mobili di legno massello rifiniti con vernici naturali o con pannelli E1 a bassa emissione.

Se hai intenzione di sostituire i mobili della camera di tuo figlio scegli l'arredo prodotto con pannelli ecologici cioè fabbricati con legno riciclabile al 100%. Questo tipo di pannelli sono certificati FSC e vengono prodotti con legno riciclato proveniente da pallets, trucioli, mobili vecchi, rami e legno da potatura degli alberi, imballaggi in legno, cassette da frutta e residui di lavorazione del legno.

Una volta verificate le caratteristiche qualitative, il materiale viene sottoposto ad un processo di selezione e pulitura per separare il legno da qualsiasi altro materiale estraneo. Un pannello ecologico emette pochissima formaldeide ed è inserito in classe E1 (la più restrittiva delle tre classi previste dalla normativa europea per i  mobili).

Se invece hai già acquistato i mobili e vuoi diminuire la loro emissione di sostanze nocive puoi tinteggiarli con vernici atossiche oppure fai un giro nei mercatini ed acquista vecchi mobili in legno, anche se non sono proprio perfetti una volta ristrutturati porteranno calore e salute nella tua casa.

Tende, cuscini e tappeti dovrebbero essere composti da tessuti naturali come il cotone, il lino o la canapa che non sono trattati con sostanze chimiche nocive e funzionano da schermo contro i campi elettromagnetici. La tua camera da letto può trasformarsi in un'oasi di relax e benessere se sceglierai materassi in lattice o rivestiti con materiale impermeabile tipo Goretex. Elimina gli acari e la polvere dal tuo materasso, che andrebbe sostituito ogni 10 anni, utilizzando un' aspirapolvere con filtro 'HEPA' che trattiene anche le particelle più piccole.

E' primavera la stagione giusta per ridipingere le pareti di casa, perché questa volta non scegli di farlo con sostanze atossiche e naturali? Le nuove pitture murali non contengono derivati dal petrolio e neanche solventi tossici ma scorze di agrumi, cera d'api, olio di lino, uova e latte; questi prodotti anche se costano un po' di più rispetto alle comuni pitture murali non ammuffiscono perché traspirano, durano di più e non si screpolano.  

Per il tuo 'fai-da-te' casalingo esistono in commercio delle alternative ecologiche per tutti i tipi di prodotti di trattamento e finitura: malte, tempere, pitture lavabili (terre coloranti e leganti organici naturali tipo uovo, latte e cera), smalti e vernici (con olio di lino e pigmenti vegetali o terre) e poi antitarli e svernicianti, impregnanti per esterni e interni e pavimenti, sostanze antiruggine, collanti e protettivi del legno. Utilizza questi prodotti per dimezzare le sostanze nocive nella tua casa.

Le piante possono diventare le nostre alleate contro l'inquinamento domestico: l'80% delle sostanze nocive quali la formaldeide, lo xilene o il benzene, contenuti nei materiali per l'edilizia, nell'arredamento e nelle vernici vengono assorbite dalla dracena, dal filodendro, il ficus, dal spatifillo e dalla gerbera.

COSA NE PENSI ?

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzando le tue preferenze e offrendoti funzionalità e contenuti anche pubblicitari di prodotti Henkel o di altre aziende, vicini ai tuoi interessi. Se scegli di proseguire nella navigazione, o chiudi questo banner, esprimi il consenso all’uso dei cookie. In alternativa, seguendo questo link , potrai leggere la cookie policy di Donna D per esteso, nonché decidere quali specifici cookie autorizzare o rifiutare.

Prosegui con la navigazione